BICENTENARIO BATTAGLIA TOLENTINO 1815

logobicentenario

Avvenuta nel maggio di duecento anni fa dalle truppe austriache comandate dal Barone Federico Bianchi, Duca di Casalanza e degli eserciti franco-napoletani del Re di Napoli Gioacchino Murat, la battaglia è considerata dagli storici come la prima combattuta per l’indipendenza d’Italia.

Per tre giorni, il Castello della Rancia e il centro storico della città di Tolentino accoglieranno il pubblico delle grandi occasioni e i 400 rievocatori provenienti da tutta Europa. Tante le iniziative promosse dall’Associazione Tolentino815, fondata da Paolo Scisiciani, che da venti anni, in stretta sinergia con l’Amministrazione comunale e con il sostegno di importanti enti pubblici e privati oltre che di sponsor,  promuove studi sistematici volti alla valorizzazione del periodo storico che va dalla Pace di Tolentino del 1797 alla Battaglia di Tolentino del 1815. In programma, oltre alla rievocazione storica delle varie fasi della battaglia, mostre di soldatini e memorabilia militari, presentazioni di libri, convegni, annullo postale speciale, spettacoli, rappresentazioni teatrali, proiezioni di film, momenti commemorativi, degustazioni enogastronomiche, parate dei gruppi storici partecipanti alla rievocazione, visite guidate ai luoghi della battaglia e al castello. Da non perdere lo spettacolo di teatro equestre presentato dal 2° Reggimento Cavalleggeri dedicato ai primi volontari arruolati con il sogno dell’indipendenza italiana. Grande attesa, ovviamente, come ad ogni edizione, per la rievocazione storica e per l’allestimento degli accampamenti che consentirà a tutti, grandi e piccini, di vivere da protagonisti le atmosfere di inizio Ottocento e delle campagne militari delle truppe napoleoniche e austriache. I gruppi storici ricostruiscono reggimenti e battaglioni di fanteria, artiglieria e cavalleria, indossando fedeli riproduzioni di divise d’epoca e usando armi ad avancarica a pietra focaia. Molto spettacolari le marce e la riproposizione di movimentazioni di truppe come i cosiddetti “quadrati” o il “riccio” che consentiva ai fanti di opporsi agli attacchi della cavalleria. I colpi di cannone, gli ottavini, il rullio dei tamburi e l’atmosfera generale consentono un vero e proprio viaggio nel tempo esaltato dai momenti di vita comune delle truppe nei campi, tra le tende, specie nelle ore notturne alla luce dei fuochi dei bivacchi.

Da sottolineare la presenza alla manifestazione dei diretti discendenti di Murat e Bianchi che, dopo 200 anni, si chiamano proprio Giacchino e Federico come i loro più famosi avi. Inoltre parteciperanno anche le delegazioni di Occhiobello e Pizzo calabro della Rete Murat che sta promuovendo in tutta Italia iniziative connesse al Bicentenario Murattiano.

Novità per questo Bicentenario della battaglia la Notte815 che dal pomeriggio del sabato, fino a notte fonda, animerà le vie e le piazze del centro storico di Tolentino. Animazione con il gioco del bracciale presentato dall’ente disfida di Treia, con l’arrivo di tutti i soldati, con i balli ottocenteschi presentati dai gruppi storici. In una scenografia naturale arricchita da elementi in tema come coccarde, bandiere e personaggi in costume, il pubblico e i turisti hanno la possibilità di rivivere le atmosfere di inizio ‘800. Menu tipici ispirati ai piatti dell’epoca potranno essere accompagnati dai migliori vini e dalle birre più gustose tra cui la “Birra Gioacchina”, una golden ale prodotta proprio per celebrare la Notte815. Inoltre a rendere tutta la situazione più coinvolgente sfilate e danze in costume, il servizio di ronda e le tante sorprese ideate appositamente dagli esercenti commerciali.

Previsto dalla Rai il collegamento in diretta con il TG3 itinerante delle Marche. Maurizio Blasi e la redazione giornalistica delle sede Rai di Ancona presenteranno al pubblico televisivo delle Marche le curiosità storiche e non solo della Battaglia di Tolentino.

Si ricorda che l’organizzazione ha previsto anche un servizio navetta per collegare il centro città con il Castello della Rancia. Sabato 2 e domenica 3 maggio, dalle ore 13 alle ore 18 verranno effettuate varie corse con partenza da piazza della Libertà e dal piazzale antistante l’area camper in zona Sticchi (piscina comunale).

Inoltre, in considerazione del grande afflusso di pubblico, è stato istituito, sempre nei pomeriggi di sabato 2 e domenica 3 maggio, il senso unico lungo la strada provinciale che consente di raggiungere il Castello della Rancia, in direzione Tolentino – Macerata, dall’ingresso/uscita della superstrada “Tolentino – Zona industriale” fino all’incrocio con la strada che immette all’ingresso/uscita “Pollenza” della superstrada 77.

Questo il programma completo della manifestazione.

Venerdì 1 maggio la manifestazione si apre, al Castello della Rancia,  alle ore 10.00 con Ludica Marche.

Allestimento ed apertura convention dedicata al modellismo e soldatini murattiani-napoleonici. In  mostra anche libri, documenti storici e memorabilia militari.

Nella prima parte della mattinata allestimento degli accampamenti storici.

Dalle ore 15.00 visita agli accampamenti storici e rivista armate.

Alle ore 16.00 prime scaramucce e primi scontri tra i due eserciti, prove di movimentazioni,

manovre e simulazioni di attacchi, cariche e difese.

Alle ore 17.00 “1° Maggio negli accampamenti” con merenda-cena con porchetta, salumi, fave e formaggio.

Alle ore 18.30 spettacolo di Teatro Equestre “Sogno d’Indipendenza” rappresentazione teatrale sul campo di battaglia del Gruppo Storico 2° Cavalleggeri di Tolentino. A chiudere la giornata alle ore 21.00 la visita guidata in notturna al Castello della Rancia, a cura di Meridiana cooperativa sociale.

Sabato 2 maggio al Castello della Rancia, alle ore 09.00 apertura al pubblico degli accampamenti storici. Alle ore 10.00 visita guidata ai luoghi della Battaglia. Da non perdere, dalle ore 11.00 alle ore 17.00, l’Annullo Postale dedicato al “Bicentenario della Battaglia” a cura Circolo Filatelico Numismatico “Città di Tolentino”.

Alle ore 12.00 una rappresentativa dei gruppi storici presenti si recherà al Monumento dedicato a ricordare e celebrare i caduti della Battaglia in contrada Rotondo.

Alle ore 13.00 rancio del soldato. Alle ore 14.30 preparazione alla Battaglia e incontro di tutti i comandanti dei gruppi storici con il coordinatore del campo di battaglia per definire le movimentazioni delle truppe.

Alle ore 15.00 inizio del primo giorno della rievocazione storica della Battaglia. Le movimentazioni e gli scontri tra gli eserciti napoletano ed austriaco si effettuano nella zona retrostante il Castello della Rancia, gli stessi luoghi dove duecento anni fa si è tenuta la prima Battaglia per

l’Indipendenza Italiana. Sarà possibile seguire le varie fasi delle movimentazioni delle truppe. Vengono illustrate le varie tattiche d’impiego della fanteria e della cavalleria, sia di attacco che di difesa.

Alle ore 17.30 rientro negli accampamenti di tutte le truppe e incontro con il pubblico.

Da non perdere nel centro storico, Notte815. Alle ore 18.30 e 21.30 in piazza Mauruzi Gioco del Pallone col Bracciale e Corteo storico a cura dell’Ente Disfida del Bracciale di Treia.

Il centro storico si anima con l’arrivo dei soldati in una scenografia naturale dove pubblico e turisti hanno la possibilità di vivere le atmosfere di inizio ‘800. Menu tipici, piatti ispirati dalle ricette dell’epoca potranno essere degustati accompagnati dai migliori vini e dalle birre più gustose, sfilate in costumi, il servizio di ronda, le esibizioni di balli tradizionali e tante proposte presentate per l’occasione nelle osterie, nei ristoranti e nelle attività commerciali.

Alle ore 22.30, all’Auditorium della Biblioteca Filelfica proiezione del film “Come mirano giusto costoro” a cura del Teatro Polivalente Occhiobello con la regia di Ferdinando De Laurentis.

Sempre sabato 2 maggio, a Macerata, alle ore 9.00, alla Biblioteca Comunale Sala Castiglioni

Convegno-Incontro di Studi “La campagna d’Italia di Gioacchino Murat: importanza, cronache, episodi” a cura dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e Comune di Macerata.

Alle ore 14.30 all’Auditorium della Biblioteca Filelfica, XXI Convegno Nazionale CISV, dell’Associazione Vexilla.

Nel centro storico di Pollenza alle ore 20.00 all’Osteria Galli e all’Osteria Ricci cena della tradizione contadina ottocentesca con “Polentone e maialino arrosto” e alle ore 22.00 rappresentazione teatrale intitolata “Memorie della Battaglia con la regia di Sarah Salvucci, a cura di Cantagallo 815.

Domenica 3 maggio a Cantagallo di Pollenza, alle ore 09.30 Santa Messa presso la Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice e alle ore 10.30 Cerimonia commemorativa presso il “Cinerario dei caduti della Battaglia”.

A Tolentino, all’Auditorium della Biblioteca Filelfica, alle ore 9.30, seconda giornata del XXI Convegno Nazionale CISV Associazione Vexilla.

Nel centro storico, alle ore 11.30 sfilata e presentazione dei Gruppi Storici in piazza della Libertà.

Al Castello della Rancia dalle ore 9.00 visita agli accampamenti storici, alle ore 10.00, alla Sala Roberto Massi Gentiloni Silverj presentazione del libro “L’ultima Battaglia di Murat” di Vito Rampino, Edizioni Chillemi – Roma.

Alle ore 13.00 rancio del soldato, alle ore 14.30 preparazione delle truppe alla Battaglia.

Alle ore 15.00 rievocazione storica del secondo giorno della Battaglia. Le movimentazioni e gli scontri tra gli eserciti napoletano ed austriaco si effettuano nella zona retrostante il Castello della Rancia, negli stessi luoghi dove duecento anni fa si svolgeva la Prima Battaglia per

l’Indipendenza Italiana. I rievocatori indossano rifacimenti perfetti delle divise dell’epoca e spareranno a salve con precise copie di armi ad avancarica.

Alle ore 17.00 Parata finale dei gruppi storici e saluto al pubblico.



I commenti sono chiusi.